Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere un avviso ad ogni nuovo post!

sabato 19 marzo 2016

Parole al vento.

Uno dei motivi per cui scrivo sempre meno sul blog é che in questo periodo sono quasi sempre all'estero. A conti fatti, a Marzo spenderó solo sette giorni a casa mia. La sera della riunione indetta dalla Nuova Ferrara sono dovuto andare via prima perché la mattina dopo dovevo passare il confine. Sono rientrato Giovedí notte e domani mi aspetta un volo intercontinentale, non il primo del mese. Ma tutto questo a voi non interessa. Quello che forse vi interessa é che nonostante sia stato cosí poco a casa, ho giá potuto assistere a tre episodi di spaccio e a un accenno di rissa sotto casa mia. Come a dire: parlate finché volete ma qui non cambia mai un beneamato ca**o.
Di tutta la fanfara mediatica (e si noti: fanfara é dispregiativo, non mediatico, il problema é chi la fa non chi la riporta), di tutta la fanfara, dicevo, seguita alla riunione della scorsa settimana non ho visto niente. Né gli articoli apparsi, le domande fatte, le risposte date, le promesse spese. Niente. Mi ero ripromesso di leggerle con calma in questi giorni, ma ho giá cambiato idea. Tanto sono solo parole al vento. Discorsi fatti e rifatti, senza capo né coda. Qualcuno le dice credendoci, altri, secondo me, no, magari mettendoci anche una buona dose di presa per i fondelli, ma in ogni caso, sempre parole al vento rimangono.
Non c'é nessuna volontà di cambiare le cose, né di spostare il fenomeno né di permettergli di spargersi senza controllo per la città. La volontà é chiaramente che lo spaccio rimanga qui. Anche perché se non ci fosse la volontà, si dovrebbe parlare di inettitudine e con le nuove regole sull'offesa a pubblico ufficiale non é il caso.

Per evitare di fare la stessa figura di me**a che fanno tutti gli altri attori di questa scenetta tragicomica, cioè per evitare di dare solo parole al vento, vi allego il video fresco fresco appena fatto su una mezza dozzina di gulu-gulu (termine tecnico-onomatopeico per indicare persone ad alto sospetto di spaccio che urlano in mezzo alla strada) che probabilmente discutono su chi doveva prendersi l'ennesimo cliente della mattina.

Si noti che venti minuti prima del battibecco ho chiamato il 112 per segnalare che lo stesso gruppo di gulugulu aveva venduto droga a due ragazzi italiani fermi sulla panchina sulle mura, e che venti secondi prima ho visto un altro scambio al semaforo di IV Novembre davanti alle macchine che passavano.

In sintesi, dall'estero a leggere le N-mila notizie profuse ad arte dalla questura e dalla peggior amministrazione degli ultimi settant'anni  a Ferrara, uno si potrebbe fare anche l'idea che le cose cambieranno. Palle. Non cambia niente. Mai.


Ciarlatani.

sabato 12 marzo 2016

Ah come vorrei...

Ah, come vorrei avere il tempo di parlarvi di cosa accade nel quartiere!
Come vorrei raccontarvi dell'intera cricca di consiglieri del PD muniti di ramazza gioire perché in due ore hanno riempito sacchi di pattume incluse delle siringhe, dimenticandosi che loro hanno il mandato e il potere per agire perché i nostri figli non giochino in mezzo alle siringhe, e non grazie alle sole loro ramazza una tantum!
Come vorrei parlarvi dei questuanti che si sono presi a cinghiate in garibaldi (un po' off topic lo so), per gestire il racket dell'accattonaggio, e ricordarvi le frasi scandalizzate del questore (quello vecchio per caritá, e ringraziamo dio che é cambiato!) e del sindaco che pensava addirittura a una denuncia al prefetto quando se ne parló mesi fa..
Come vorrei parlarvi dei 12 punti del "faró" pronunciati da chi ha il potere di fare qui e adesso e non a Ro' (cit. Finetti)
Come vorrei parlarvi del ripetersi degli eventi, come sempre gli stessi personaggi, che dicono sempre le stesse cose, mentre alla GAD continuano a spacciare, come sempre!
Come vorrei parlarvi dei cani antidroga in azione alla GAD, ma anche dei cani che si drogano, perché loro malgrado vivono alla GAD, quella vera, non quella che leggi sui giornali nelle dichiarazioni di prefetto, sindaco e questore (in ordine inverso di credibilitá).

Vorrei, ma credetemi, davvero non posso. Non ho tempo, e poi, al contrario di quando iniziai nel Dicembre del 2012, adesso di gente che almeno parla del problema GAD, ce n'é. Ultimo ma non per importanza (Last but not least) la riunione convocata per questa sera da nientepopodimenoché La Nuova Ferrara per discutere e raccogliere idee e consigli dai residenti nelle zone a maggior rischio degrado. Non é vero che il sindaco e addetti vari si muovano solo per rispondere ai politici di opposizione, in effetti si muovono anche quando si mette in gioco la stampa. Per cui é evidente l'importanza della buona riuscita di questa riunione, e invito tutti gli interessati a partecipare. Soprattutto perché sindaco e sottoposti non si muovono certo per le sole lamentele dei cittadini, questo ormai é un dato di fatto!


Quale nome vorresti dare al Parco di Nazario Sauro?